photo-1485783522162-1dbb8ffcbe5b

POTENZIA_MENTI è un progetto dei Comuni di Gavardo, Muscoline e Vallio, con l’IC G. Bertolotti e sette scuole dell’infanzia paritarie del territorio.

Nasce dal bisogno di costruire percorsi di continuità durante tutto il ciclo scolastico dei bambini con Bisogni Educativi Specifici (BES) o Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) del territorio, di creare flussi comunicativi sistematici tra gli Istituti Scolastici e di dare ai docenti un bagaglio di strumenti il più uniforme possibile, per affrontare i temi legati ai disturbi dell’apprendimento.

Il progetto è intervenuto a sanare un’assenza di protocolli di lavoro e di continuità tra i vari gradi di istruzione, cosa che rendeva difficoltosa, imprecisa e carente la presa in carico di alunni con difficoltà.

Potenzia_menti lavora per fornire maggiore conoscenza e consapevolezza delle variabili da osservare precocemente per ridurre i rischi di insuccesso scolastico. Gli insegnanti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria sono affiancati da un’esperta in psicopatologia dell’apprendimento e didattiche laboratoriali in un percorso formativo finalizzato a rilevare i bisogni e realizzare interventi di potenziamento. Fondamentale è anche la costruzione di un portfolio dello studente, che tenga traccia del suo percorso scolastico. I docenti vengono, inoltre, formati a possedere strumenti utili per lo scambio di informazioni con le famiglie e per un loro maggiore coinvolgimento.

Il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) individua proprio nella scuola uno degli ambiti adibiti all’osservazione e rilevazione di indicatori utili per effettuare una diagnosi precoce; un’accurata osservazione, infatti, consente di riconoscere gli alunni che presentano difficoltà ed avviare con loro percorsi di potenziamento fin dall’inizio del percorso di studi. Dopo ciò, è necessario un lavoro di rete tra le scuole che garantisca continuità durante il percorso scolastico e, ovviamente, l’utilizzo di strumenti standardizzati per la valutazione e l’accompagnamento.

Il progetto, oltre al coinvolgimento formativo degli insegnanti, prevede la stesura di protocolli di intesa tra le scuole e l’informatizzazione dei dati relativi ai bambini seguiti, l’attivazione di uno sportello di ascolto per docenti e genitori di alunni BES e un doposcuola per il loro potenziamento.

Articoli Correlati

hand-2326058_1920

IL PROGETTO NEW A CAGLIARI


... perché i diritti umani sono di tutti.

Immagine

La stampa parla di progetto NeW.


Una storia a lieto fine...

rimini2

Il progetto NeW ospite al convegno internazionale di Rimini.


8 e 9 marzo 2019: "Sono adulto! Disabilità. Diritto alla scelta e progetto di vita”.